Costa Fascinosa

Destinazione: Mediterraneo occidentale

Tipo Vacanza: Crociere

Periodo: Novembre 2018

Durata: 8 Giorni e 7 Notti

La Nostra Proposta

Da: € 499

Scarica Allegato

 Sistemazione in cabina interna Classic a tariffa Basic, EURO 499,00 a persona partenza del 04/11

 

Malta,Spagna e Francia

 

 

 

 

Valido al 13.12.2018, pubblicato il 06.12.2018

Informazioni Generali

•    Documentazione necessaria per l’ingresso nel Paese
Passaporto/carta d’identità valida per l’espatrio
. E’ necessario viaggiare con uno dei due documenti in corso di validità. Il Paese fa parte dell’UE ed aderisce all’accordo di Schengen.
Qualora in possesso di una carta d’identità valida per l’espatrio rinnovata, si prega di consultare l’Approfondimento “Prima di partire – documenti per viaggi all’estero”.

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento: “Prima di partire - documenti per viaggi all’estero di minori” .


Formalità valutarie  
È opportuno consultare sul sito delle Agenzie Doganali la rubrica “Carta doganale del viaggiatore” che contiene le principali disposizioni doganali in vigore per i viaggi nell’ambito dell’Unione Europea o da/verso Paesi extra-UE.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 13.12.2018, pubblicato il 06.12.2018

Sicurezza

•    Indicazioni generali, ordine pubblico, criminalità

Manifestazioni di protesta, in larga misura pacifiche, si sono susseguite negli ultimi mesi a Barcellona ed in altre città della Catalogna. Non si possono escludere ulteriori iniziative, estemporanee o indette con ridotto preavviso. E’ pertanto opportuno mantenersi sempre  aggiornati sugli sviluppi della situazione, evitando le zone eventualmente interessate dalle dimostrazioni, e seguendo le indicazioni delle Autorità locali.

Nelle grandi città spagnole si registrano fenomeni di microcriminalità. In alcune località turistiche si sono verificati episodi violenti, che hanno coinvolto anche connazionali.

•    Rischio terrorismo
Le autorità locali hanno rafforzato le misure necessarie a far fronte ad eventuali minacce di attentati terroristici, anche a seguito degli attentati di agosto 2017 a Barcellona e Cambrils, in particolare nei luoghi ritenuti “sensibili” a possibili attacchi terroristici, come aeroporti, stazioni, metropolitane, grandi centri commerciali e, in generale, luoghi ad elevata frequentazione, nei quali si raccomanda particolare cautela, anche in connessione con particolari ricorrenze, festività e periodi dell’anno.
Per quanto riguarda l’ETA, dopo la rinuncia all’attività terroristica del 2011, la consegna volontaria del proprio arsenale alle forze di polizia francesi nel 2017, il 3 maggio scorso il movimento indipendentista basco ha annunciato la propria dissoluzione definitiva.

•    Aree di particolare cautela
Si raccomanda di prestare particolare attenzione nelle aree di seguito indicate:
a)    Madrid: mercato domenicale del "Rastro", Centro Storico e zona della Puerta del Sol, Mercato San Miguel, Plaza S. Ana, Parco del "Retiro", aeroporto di Madrid Barajas;
b)    Barcellona: Porto, le Ramblas, il Raval, il Barrio Gótico, la Sagrada Familia, Playa de la Barceloneta, i grandi magazzini, aeroporto del Prat, autostrade e stazioni di servizio (frequenti casi di rapina sui tratti autostradali, in particolare l’autostrada mediterranea AP7);
b)    Zone costiere: Costa Brava, Costa del Sol e principali località turistiche della costa mediterranea;
c)    Canarie: località di maggiore affluenza turistica in particolare, Playa de las Américas a Tenerife e Playa del Inglés a Gran Canaria;
d)    Siviglia: Barrio de Santa Cruz nelle ore serali. Parcheggi pubblici limitrofi alla Cattedrale (furti nelle autovetture);
e)   Palma di Maiorca: centro storico nelle ore serali;
f)    Ibiza: centro storico e principali spiagge.

•    Avvertenze
Si consiglia ai connazionali di:
-    registrare i dati del proprio viaggio sul portale DOVESIAMONELMONDO;
-    consultare il sito dell’Ambasciata d’Italia a Madrid e del Consolato Generale a Barcellona;
-    segnalare alla polizia bagagli o oggetti sospetti lasciati incustoditi;
-    mantenere sempre un atteggiamento vigile e di usare accorgimenti per la corretta custodia dei propri effetti personali (per ogni utile approfondimento al riguardo, si rimanda alle pagine di consigli/avvisi per i turisti dei siti web www.consmadrid.esteri.it  e www.consbarcellona.esteri.it);
-    evitare manifestazioni e ogni tipo di concentrazione di folla, che potrebbero essere organizzati anche con brevissimo preavviso specialmente in Catalogna anche tenuto conto dei recenti sviluppi della situazione politica, e nelle regioni Basche di San Sebastián e Bilbao;  si raccomanda di mantenersi sempre aggiornati attraverso i mezzi di informazione;
-    effettuare per tempo le prenotazioni alberghiere, specialmente nel periodo estivo, nelle zone turistiche di tutta la costa mediterranea e delle Isole Baleari e Canarie (ove si registra spesso il tutto esaurito);
-    prestare attenzione nei locali notturni e discoteche, tenendo conto che si sono registrati comportamenti particolarmente aggressivi nei ricorrenti incidenti avvenuti in località turistiche quali Lloret del Mar, Salou o Ibiza;
- recare con sé copia dei propri documenti e titoli di viaggio, conservando gli originali in luoghi custoditi (albergo etc.);
- sporgere denuncia alle locali autorità di polizia nel caso si subisca un furto.

Si registrano furti a danno di veicoli con targa straniera effettuati da gruppi organizzati in prossimità di aree di sosta e stazioni di servizio.

Si ricorda che il numero unico per tutte le emergenze in Spagna è il 112.

•    Normative locali rilevanti
Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga (leggere o pesanti):
in materia di droghe è utile ricordare che:
- il codice penale prevede pene severe nei confronti di detentori di sostanze stupefacenti. Per evitare che la Spagna sia utilizzata come Paese di transito dal Marocco e dall’America Latina verso i mercati del centro Europa, i controlli sono sempre più frequenti ed accurati;
- per il reato di traffico di sostanze stupefacenti è prevista la reclusione da 1 a 12 anni, a seconda del tipo di sostanza e della ricorrenza di eventuali circostanze aggravanti, nonché una multa, il cui importo può arrivare fino a 5 volte il valore delle sostanze stupefacenti detenute.
Normativa locale sulla violenza contro le donne (“violenza di genere”):
la legislazione in materia è molto rigorosa: la legge in vigore prevede pene molto severe in caso di maltrattamenti (reclusione da due a cinque anni in caso di lesioni; da 6 mesi a tre anni in caso di maltrattamenti o minacce). Frequente è il fermo come misura cautelare in attesa dell’udienza preliminare per il quale è sufficiente la presentazione della semplice denuncia di minacce o aggressione.
Normativa locale prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori:
la legislazione in materia, modificata nel gennaio 2015, è molto severa ed in linea con la legislazione europea vigente.
I connazionali che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento della prostituzione) possono essere perseguiti anche al loro rientro in Italia, sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.

Normativa relativa al fermo di Polizia: in Spagna il fermo di Polizia (habeas corpus) può avere una durata massima di 72 ore entro le quali deve essere formulata l’accusa davanti al magistrato.

In caso di problemi con le autorità locali di Polizia  (stato di fermo o arresto), si consiglia di  informare l’Ambasciata o il Consolato italiano presente nel Paese per la necessaria assistenza.



Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 13.12.2018, pubblicato il 06.12.2018

Situazione sanitaria

•    Strutture Sanitarie
La situazione sanitaria è in generale buona.

•    Malattie presenti

Visto il verificarsi nel 2016 di casi Febbre emorragica da Crimea-Congo nella provincia di Avila, si raccomanda, come da buona pratica, di mettere in atto tutte le precauzioni necessarie alla prevenzione delle punture da zecche seguendo anche le indicazioni presenti nella sezione “Insetti e altri vettori di malattie”.

•    Avvertenze

Si raccomanda di stipulare prima della partenza una polizza assicurativa che preveda la copertura delle spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo sanitario (o il trasferimento in altro Paese) del paziente.

•    Vaccinazioni obbligatorie

Nessuna

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 13.12.2018, pubblicato il 06.12.2018

Viabilita

Patente
Italiana.

Assicurazione auto

La polizza assicurativa italiana dà copertura anche in Spagna.

Si ricorda a chi guida all'estero un'auto non propria che è consigliabile avere una delega a condurre del proprietario, con firma autenticata .

Equipaggiamento obbligatorio
Casco di protezione per motociclisti: obbligatorio per motocicli di cilindrata superiore a 125 cm3.

Cinture di sicurezza: obbligatorio allacciarle su tutti i sedili che ne sono equipaggiati.

Seggiolino per bambini:
  un bambino minore di 3 anni deve esser posizionato in un seggiolino adatto alla sua taglia. Da 3 a 12 anni può viaggiare sul sedile anteriore di una vettura se viene posizionato in un sedile omologato per bambini, altrimenti dovrà viaggiare sui sedili posteriori utilizzando una cintura di sicurezza per adulti.

Gilet di sicurezza retroriflettente:  deve  essere indossato dal conducente che scenda dal veicolo immobilizzato sulla carreggiata o sul lato della strada al di fuori dei centri abitati; il gilet deve essere conforme alle norme UE. La polizia non  multa un automobilista straniero che non abbia il gilet a bordo (ma si viene multati se si scende sulla carreggiata senza gilet, fuori dei centri abitati).

Rete autostradale: le autostrade sono a pagamento, si può pagare al casello, in contanti o con carta di credito. 

Multe e sanzioni

Per gli automobilisti. Si segnalano gli inconvenienti a cui sono soggetti i proprietari e conduttori di veicoli allorché incorrono in contravvenzioni (in genere per eccesso di velocità – limite in autostrada 120 km/h - o per mancato utilizzo delle cinture di sicurezza) e non sono in grado di provvedere al contestuale pagamento delle multe inflitte, spesso onerose. Il codice della strada spagnolo prevede, infatti, che ai contravventori inadempienti non residenti in Spagna venga applicata, a titolo precauzionale e sino al pagamento della multa, il blocco del veicolo.
Si segnalano anche i rigidi controlli alcolemici effettuati dalle forze di Polizia soprattutto nei fine settimana. Si consiglia vivamente di non mettersi al volante dopo aver assunto bevande alcoliche. Si evidenzia che in Spagna la normativa è più restrittiva rispetto a quello italiana. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito del “Ministerio del Interior - Dirección General de Trafico” (guida in lingua spagnola consultabile con il link:
http://www.dgt.es/PEVI/documentos/catalogo_recursos/didacticos/did_adultas/alcohol.pdf). Il rifiuto ad assoggettarsi alla prova alcolemica  è considerato una grave infrazione.
Dal 1 luglio 2006 la Spagna ha introdotto la patente a punti con severi controlli su tutta la  rete stradale ed autostradale. 


Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Richiesta Informazioni