Halloween -Castello di Dracula

Destinazione: Romania

Tipo Vacanza: Viaggi su Misura

Periodo: Ottobre - Novembre 2018

Durata: 5 Giorni e 4 Notti

Scarica Allegato

Speciale Halloween in Romania  ,visita notturna al Castello di Dracula . Caldana

Euro 782,00

 

 

       

 

Valido al 13.12.2018, pubblicato il 15.05.2018

Informazioni Generali

•    Documentazione necessaria per l’ingresso nel Paese
Passaporto/carta d’identità valida per l’espatrio. E’ necessario viaggiare con uno dei due documenti in corso di validità. Il Paese fa parte dell’UE ma non dell'area Schengen.
Se il soggiorno previsto non supera i 90 giorni, è sufficiente viaggiare con Carta d’Identità o Passaporto in corso di validità. Per permanenze superiori ai 90 giorni è necessario richiedere il permesso di soggiorno all’Ispettorato Generale per l’Immigrazione (http://igi.mai.gov.ro/home/index/en) che dipende dal Ministero dell’Interno romeno.
Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.
Qualora in possesso di una carta d’identità valida per l’espatrio rinnovata, si prenda visione dell’Approfondimento  “Prima di partire – documenti per viaggi all’estero” .

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento: “Prima di partire/ documenti per viaggi all’estero di minori”.

Dal dicembre 2013, le Autorità romene hanno introdotto particolari restrizioni all’espatrio di minori. Nel caso in cui uno dei due genitori sia romeno e viaggi con minori aventi doppia cittadinanza (ad es. romena e italiana), per le Autorità locali i minori saranno considerati romeni anche se la loro nascita non è registrata in Romania. In tali casi, la normativa romena (Legge nr. 248 del 20/07/2005 art. 30 comma 1 lettere b e d) prevede che i minori, per uscire dalla Romania accompagnati da uno dei due genitori, debbano avere una dichiarazione di consenso da parte dell’altro genitore nella forma indicata dalle Autorita’ romene competenti (assenso espresso davanti ad un notaio).
Il passaggio delle frontiere della Romania è consentito al minore con doppia cittadinanza (italiana e romena) accompagnato da un genitore, senza l’assenso dell’altro genitore,  solo nel caso in cui il minore viaggi per ritornare al proprio Paese di residenza (Legge nr .169 del 30.09.2016).
Prima di mettersi in viaggio con minori si consiglia in ogni caso di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito della Polizia di Frontiera Romena (www.politiadefrontiera.ro) alla pagina “Conditii de calatorie”/ “Travel conditions”.
Si consiglia - una volta in loco - di recare con sé copia dei propri documenti e titoli di viaggio, conservando gli originali in luoghi custoditi (albergo etc.).

Visti di ingresso: non richiesto

Formalità valutarie e doganali:
1. in entrata: è possibile introdurre sino a 10.000 Euro o l’equivalente in altra valuta. Le somme superiori a 10.000 Euro vanno dichiarate;
2. in entrata, far registrare i seguenti beni: armi e munizioni (anche da caccia), materiale esplosivo; sostanze medicinali stupefacenti e psicotrope, prodotti chimici e tossici; beni a carattere culturale, storico o artistico; oggetti in metallo prezioso, con o senza pietre preziose, oltre a quelli di comune uso personale; bevande alcoliche che superano la quantità di 2 litri e le sigarette se superano il limite dei 200 pezzi;
3. in uscita: è possibile esportare somme non superiori a quelle indicate dalle disposizioni valutarie in entrata. I beni dichiarati in entrata si possono riesportare; i beni a carattere culturale, storico o artistico, oggetti in metallo prezioso, con o senza pietre preziose, acquistati in loco devono avere l’autorizzazione da parte delle Autorità romene. L’assenza di predetta autorizzazione e/o dichiarazione dei beni posseduti in entrata, può costituire reato, con possibili conseguenze penali e/o ammende.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 13.12.2018, pubblicato il 15.05.2018

Sicurezza

•    Indicazioni generali, ordine pubblico, criminalità
Sono in aumento furti, borseggi e altri episodi di micro-criminalità a danno di connazionali.
A Bucarest si raccomanda cautela nelle zone densamente urbanizzate, nei quartieri popolari (Ferentari, Rahova, Pantelimon) e nelle zone adiacenti agli alberghi internazionali, alle stazioni ed agli aeroporti.

•    Rischio terrorismo
Il terrorismo rappresenta una minaccia globale. Nessun Paese può essere considerato completamente esente dal rischio di episodi ricollegabili a tale fenomeno.

•    Rischi ambientali e calamità naturali
Per la sua conformazione e posizione geografica, la Romania è uno dei Paesi europei a maggiore rischio sismico. La zona più esposta è il sud-est del Paese, in particolare la regione montuosa della Vrancea, colpita nel marzo del 1977 da un devastante terremoto che causò oltre 1500 vittime, nonché ingenti danni anche nella capitale Bucarest. La provincia della Vrancea è tuttora soggetta a fenomeni sismici. Altre scosse sono state registrate nelle aree al confine tra le province di Galati e Braila. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito dell’Istituto Nazionale di Geofisica romeno www.infp.ro.

L’Ispettorato Generale per le Situazioni d’Emergenza (www.igsu.ro, indirizzo: str. Dumitrache Banul no. 46, sect. 2, Bucuresti, tel. 021 208 6150), subordinato al Ministero degli Interni romeno, ha predisposto un manuale in lingua romena che contiene le informazioni necessarie su come agire in caso di terremoto e del quale è opportuno prendere visione. Un manuale di base, redatto in lingua italiana, sugli accorgimenti da adottare in caso di eventi sismici è disponibile anche sul sito della Protezione Civile italiana nella sezione “Cosa fare in caso di terremoto” (http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/cosa_fare_sismico.wp).

Il Comune di Bucarest (www.pmb.ro),ha messo a disposizione dei cittadini il numero telefonico gratuito 0800800882 per le situazioni di emergenza, alternativo al numero unico europeo di emergenza 112. Inoltre, a coloro i quali intendessero alloggiare in edifici situati al centro di Bucarest si consiglia di prestare attenzione alla classificazione sismica assegnata all’edificio a seguito del terremoto del 1977: una lista degli edifici a rischio sismico è consultabile sul sito del Comune di Bucarest.

Negli ultimi anni, la Romania è caratterizzata da frequenti variazioni climatiche con violente ondate di maltempo che spesso si abbattono, oltre che nelle zone ad alta quota, anche nei principali centri urbani. Anche la capitale Bucarest è spesso colpita da nubifragi accompagnati da fulmini e violente raffiche di vento, e nei periodi invernali da abbondanti nevicate. Tali fenomeni possono causare difficoltà nei trasporti urbani ed extra-urbani. Frequente è anche il verificarsi di improvvisi innalzamenti dei corsi d'acqua con elevato rischio di frane ed allagamenti. Si raccomanda pertanto, prima di mettersi in viaggio, di aggiornarsi attentamente sulle previsioni meteorologiche consultando il sito dell’Istituto meteorologico romeno (Administratia Nationala de Meterologie http://www.meteoromania.ro), il quale emette periodicamente degli avvisi di allerta meteo basati su un sistema di codici (giallo, arancio, rosso) per indicare la gravità delle eventuali perturbazioni nonché lo stato delle vie di comunicazione (http://www.cnadnr.ro/s_stare.php).

•    Avvertenze
Si consiglia ai connazionali di:
registrare i dati del proprio viaggio sul portale DOVESIAMONELMONDO;
 - prestare cautela soprattutto nelle ore serali e nei luoghi di ritrovo ed evitare di muoversi nelle zone più periferiche delle principali città;
- evitare qualsiasi tipo di assembramento e in caso di manifestazioni osservare la massima prudenza, tenendosi informati sugli sviluppi della situazione attraverso i media;
- assicurarsi bene della chiusura del vagone letto, soprattutto nei trasferimenti notturni in treno;
- evitare di mostrare in pubblico valori quali: denaro, passaporto, gioielli, cellulare;
- non accettare proposte economicamente convenienti da persone estranee o inviti in locali notturni e discoteche;
- diffidare da sedicenti agenti di Polizia in borghese che chiedono di mostrare i documenti;
- munirsi di fotocopia dei documenti e custodire gli originali in luogo sicuro ma facilmente accessibile in caso di controlli da parte della Polizia;
- prestare attenzione alla guida nelle periferie delle città e, di notte; rispettare sempre il codice della strada;
- prestare attenzione ai pedoni che attraversano all’improvviso fuori delle strisce pedonali ed ai carretti trainati da cavallo (ancora diffusi) che non rispettano le precedenze sulle strade fuori città;
- prestare cautela soprattutto nelle zone periferiche delle città dove potrebbe essere ancora presente il fenomeno del randagismo canino.

Non vi è alcuna tolleranza per le infrazioni commesse dagli automobilisti stranieri. Si raccomanda di non guidare dopo aver consumato bevande alcoliche.  Il Codice della Strada romeno prevede infatti che, in caso di guida in stato di ebbrezza con tasso alcolico fino a 0,40 mg/l (aria respirata), la sospensione della patente è di 6 mesi ed i punti ritirati sulla patente vanno da 21 a 50. In casi di tasso alcolico superiore, la patente viene ritirata ed aperto un procedimento penale. Si registrano numerosissimi casi di ritiro della patente a automobilisti stranieri. 

Si fa presente, in tale contesto, che le norme che si applicano per il ritiro della patente rendono particolarmente complessa la procedura di restituzione della stessa che, talvolta, può durare alcuni mesi.

•    Normative locali rilevanti
Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga:
la detenzione e l’uso di sostanze stupefacenti sono puniti con pene da  2 a 15 anni di reclusione, fino ad arrivare all’ergastolo nei casi di produzione, detenzione e traffico organizzato.
Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori: il Codice Penale romeno punisce severamente la pedofilia e la prostituzione.
Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.

Normativa per attività venatoria: è opportuno che coloro che si recano in Romania per praticare attività venatoria si informino accuratamente sulla legislazione locale in particolare per ciò che riguarda il trasporto dell’arma e delle relative cartucce. Le informazioni sulla legislazione romena in materia di caccia sono consultabili sul sito ufficiale della Federazione Italiana della Caccia www.federcaccia.org.

In caso di problemi con le Autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia di informare l’Ambasciata o il Consolato italiano presente nel Paese per la necessaria assistenza.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 13.12.2018, pubblicato il 15.05.2018

Situazione sanitaria

•    Strutture Sanitarie
Le strutture medico-ospedaliere pubbliche sono mediamente di bassa qualita’. Alcuni ospedali di Bucarest (la Clinica d’Urgenza Floreasca, l’Ospedale Elias, l’Ospedale Universitario di Bucarest e quello Militare) sono attrezzati e il trattamento è generalmente abbastanza accurato. Per emergenze relative a bambini si consiglia di rivolgersi all’ospedale Grigore Alexandrescu oppure all’ospedale M.S. Curie.
Le strutture private, utilizzate in prevalenza dagli stranieri sono in linea di massima efficienti.

•    Malattie presenti
Non si registrano malattie endemiche.
Si sono verificati casi di meningite virale in alcuni periodi dell’anno, mentre le epatiti e le infezioni gastrointestinali sono diffuse.

•    Avvertenze

Si consiglia di:
- effettuare, previo parere medico, la vaccinazione contro l’epatite (A e B);
- portare con sé una scorta di medicinali contro le infezioni gastrointestinali;
- bollire l’acqua per uso alimentare e bere preferibilmente acqua minerale e bibite in bottiglia, senza aggiunta di ghiaccio;
- disinfettare frutta e verdura.
Si raccomanda di stipulare prima della partenza una polizza assicurativa che preveda la copertura delle spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo sanitario (o il trasferimento in altro Paese) del paziente.

•    Vaccinazioni obbligatorie
Nessuna

 

 

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 13.12.2018, pubblicato il 15.05.2018

Viabilita

Patente
Italiana.
Assicurazione
E' sufficiente l'assicurazione italiana.
I veicoli possono essere importati temporaneamente senza formalità particolari se la durata del soggiorno non supera i 30 giorni.
Delega a condurre
Si ricorda a chi guida all'estero una vettura non propria, che è consigliabile avere una delega a condurre del proprietario con firma autenticata.
Norme di guida
Senso di marcia: guida a destra, sorpasso a sinistra. I tram si superano a destra.
Tasso alcolemico: il limite consentito è 0%.
Chi guida un veicolo a motore su strada pubblica con una quantità accertata di alcol nel sangue è passibile del ritiro della patente fino ad un massimo di 90 giorni. Tale periodo può essere ridotto a 30 giorni se il conducente assiste ad almeno 7 giorni di lezioni di guida, supera un esame e ottiene un certificato.
La polizia effettua occasionalmente test alcolemici sugli automobilisti.
Equipaggiamento obbligatorio
Dispositivi di sicurezza
È obbligatorio indossare la cintura di sicurezza.
È vietato trasportare bambini minori di 12 anni sui posti anteriori. I bambini fino a 3 anni devono utilizzare i seggiolini appropriati al loro peso.
Il casco di protezione è obbligatorio per i motociclisti ed i loro passeggeri.
Luci
Le luci anabbaglianti devono essere accese fuori dai centri abitati, di giorno e di notte.
Le luci abbaglianti possono essere usate nei centri abitati di notte, sulle strade senza illuminazione e agli incroci e fuori dei centri abitati, ma debbono essere abbassate quando si incrocia un veicolo o un pedone.
Le motociclette devono circolare giorno e notte con i fari anabbaglianti accesi.
Triangolo: obbligatorio avere un triangolo rosso a bordo di tutti i veicoli con più di due ruote.
Estintore:  obbligatorio a bordo delle vetture private.
Borsa di pronto soccorso: obbligatoria a bordo dei veicoli privati.
Gilet autoriflettente:
obbligatorio per tutti i veicoli, da usare in caso si debba uscire dalla vettura per necessità, di giorno e di notte.
Rete autostradale
Autostrade in via di modernizzazione; nuovi tratti stanno per essere costruiti. Al momento 644 km sono in uso:
- A1 Bucarest-Pitesti e Timi?oara-Arad: 300 km
- A2 Bucarest-Cernavoda-Constanta: 206 km
- A3 Bucarest-Ploiesti e tangenziale Cluj-Napoca: 110 km
- A4 tangenziale Constanta: 22 km
Tassa di circolazione
Dal 1° ottobre 2010 la"rovinieta", tassa sulla percorrenza delle strade rumene,  è stata sostituita da un sistema di pedaggio elettronico. La tassa si può pagare ai posti di frontiera, negli uffici postali e in alcune stazioni di servizio ed agenzie.
Tariffe:
- 1 giorno:  gratuito
- 7 giorni:  3 Euro
- 30 giorni: 7 Euro
- 90 giorni: 13 Euro
- 12 mesi: 28 Euro.

In caso di mancato o insufficiente pagamento possono essere applicate ammende da 250 a 4500 RON.
Le vecchie "roviniete" sono utilizzabili fino alla loro data di scadenza.

Trasporti:
oltre ai collegamenti aerei interni, vi sono voli giornalieri da Bucarest a Roma e Milano ed anche collegamenti con altre città italiane (Bari, Bergamo, Bologna, Treviso, Verona, ecc) da diverse città della Romania (Bucarest, Timisoara, Cluj, Craiova, Bacau). Un servizio internazionale di pullman (Eurolines) collega le principali città del Paese con altre città europee. Il servizio ferroviario è buono nei collegamenti principali, ancora scadente negli altri tratti. E’ possibile noleggiare auto per i trasferimenti, ma va segnalato che il soccorso stradale è carente e che non esistono, lungo le autostrade, le colonnine SOS. Tram e autobus sono affollati e spesso non in orario. Buona è la rete della metropolitana a Bucarest. La scarsa manutenzione delle strade espone i mezzi su gomma al pericolo di incidenti causati da buche e dal manto stradale a volte in condizioni pessime. Nel prendere un taxi è bene pretendere l’uso del tassametro, in quanto le cifre proposte dai tassisti sono sempre superiori al reale costo della corsa. I prezzi dei taxi sono indicati ai lati dell’autoveicolo.
È vietato usare un telefono portatile mentre si guida a meno che non abbia un sistema di "viva-voce".

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Richiesta Informazioni